I GENITORI CHE SI VANTANO DEI LORO FIGLI O AL CONTRARIO LI SMINUISCONO MI RENDONO PERPLESSA!




Ritengo che sia normale per i genitori mettere in risalto i successi dei propri figli ma alcuni esagerano pesantemente cadendo nell'antipatia.
Mi è capitato di ascoltare madri che si vantavano dell'intelligenza fuori dal comune della loro prole perché laureata...  avrei voluto dire loro:
"Complimenti per la laurea ma il 70% delle persone che conosco sono laureate, sicuramente sono preparate, hanno studiato, si sono impegnate, ma non hanno elaborato la teoria della  relatività PER CUI VANNO BENE GLI ELOGI MA SENZA AMMORBARE GLI INTERLOCUTORI!",
 invece per educazione mi sono limitata ai complimenti.
Mi è capitato anche di ascoltare padri vantarsi del fatto che il loro figlio, dotato di straordinarie capacità, un QI fuori dal comune, un mix tra Superman e Gandhi, ha vinto un concorso ... avrei voluto puntualizzare: 
"Bravissimo! Complimenti! Bisogna però andare a verificare quanti erano i posti disponibili e quanti i candidati perché un conto è rientrare tra i primi 15  vincitori su 3000 aspiranti ed un altro rientrare tra i primi 50 su 70 candidati. Dando per scontato che si tratti di concorsi puliti, senza raccomandazioni.", 
invece mi sono solo complimentata. 

Non mi piace neanche ascoltare genitori che, al contrario, sminuiscono i propri figli e si mettono in competizione con loro ad esempio:
 "Mio figlio ha vinto una coppa provinciale, capirai all'età sua ho vinto quella regionale ...".
Capisco che fare i genitori sia difficile ma lo è  anche ascoltarli vantare o sminuire la loro prole, per cui se posso mi sottraggo a questa tortura.

Commenti

Post popolari in questo blog

Bilancio del 2018: un anno vissuto insieme a persone a me affini per speranze, per sogni, per creatività, per perplessità sulla vita politica e sociale