LA PERDITA DEI DIRITTI DEI LAVORATORI CHE SI TRASFORMA IN ASTIO CONTRO GLI INSEGNANTI MI RENDE PERPLESSA!

Pochi giorni fa una ragazza che conosco mi ha apostrofata affermando: "Voi insegnanti siete privilegiati perché non lavorate di domenica mentre io, che  faccio la commessa in un grande negozio, ho tutti i fine settimana rovinati. In più voi docenti avete le ferie tutta l'estate ed i pomeriggi liberi.". A queste affermazioni ho risposto: "Innanzitutto abbiamo 36 giorni di ferie, la maggioranza dei lavoratori in regola, che ha un contratto degno di questo nome, ha una trentina di giorni di ferie. Per quanto riguarda i pomeriggi, non sono liberi perché utilizzati per preparare lezioni, schede, mappe concettuali, PowerPoint, per correggere compiti, per partecipare ai Consigli di Classe, ai Collegi dei docenti etc...
Rispetto al fatto che tu lavori la domenica, condivido che sia ingiusto ma non è colpa degli insegnanti. Fino a qualche anno fa la chiusura domenicale era obbligatoria ed in Italia si viveva benissimo, poi hanno liberalizzato gli orari di apertura delle attività commerciali ed i lavoratori hanno perso la possibilità di godere del weekend e delle festività, in quanto molti negozi sono aperti anche per Natale.".
Non sono sicura di essere riuscita a far ragionare la ragazza che non aveva ben capito verso chi dovrebbe rivolgere il suo disappunto. Qualche anno fa i lavoratori erano maggiormente in grado di individuare i responsabili dei loro disagi oggi purtroppo, avendo perso consapevolezza, si innesca una guerra tra poveri.


Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SOTTOVALUTAZIONE DEL TRATTAMENTO RISERVATO ALLE DONNE SUI SOCIAL MI RENDE PERPLESSA E PREOCCUPATA!